venerdì 12 settembre 2008

federico tavan



Federico Tavan è un poeta friulano la cui lingua respira del medesimo fiato delle "Poesie a Casarsa" di Pasolini.Federico Tavan è un matto,nel senso di una esistenza letteralmente vissuta a contatto della malattia mentale(Ringrazio la mia strega/e quelle successive/che m'hanno dato occhi/color della terra e del grano/simili a quelli di nessuno./Ringrazio la solitudine/che m'hanno dato per diventar poeta./Ringrazio la pazzia/che mi ha permesso/di restare me stesso.)
Una ospite della comunità psichiatrica in cui lavoro mi ripete spesso "fai attenzione...la malattia mentale è contagiosa".Appunto.Ne so qualche cosa.


Al Mestre

Massacrât
fat a tocs
e stocât
pa la strada.
Tu tu n'à spiegât la storia
dei mûrs altz
mûrs altz
mûrs altz
dal "palazzo"
cjadènes
che tu volève rompe
ch'i devente
come flauries par chî prâtz.
Mestre
al tiô diviers
mout d'éisse
la tô muart
granda tal pantan.
Chist martiriu
cussì just
e nô ignorantz
puoçj restâtz.

Cuanche la lùs
a deventa scovatura,
cuanche un om al è
plen de sanc
a ne insegna la vita
e la muart.
Mestre,
jo te puarte
l'ultima rabia
strenta intal pugn
de la man
coma ultin salût:
al om de cultura
comunista
omosessuale
odiât dai dius de la tiera
l'uniçu ch'al à dit la veretât
e ch'al è finit
coma ch'al veva da finî,
"tra gli sghignazzi
della stampa"
dei mûrs altz, de li cjadenes
dal "palazzo".
Copât
intant ch'al tentava
par l'ultima volta
de vei coraju.
Par me reste uvì
poeta
par chialtres
un stupedu tentativu de recuperâte.
Jo che soi un por biât
no po fâ altre
che jôde incjamò
al "palazzo"
restât tâl e cual
cui mûrs altz
e li cjadenes
Jo che soi mat
e jôt li tô mans
plenes de sgrifades
ch'i tenta de jescî.
AL È NUOT
A OSTIA
DE UVIÊR
NON JOT NUA.
AL È NUOT
A OSTIA
D'UVIÊR
NO JOT NUA.
Al fâi freit
a Ostia
a novembre
mestre
ài FREIT.


Al Maestro

Massacrato
fatto a pezzi
e schiacciato
sulla strada.
Tu ci hai spiegato la storia
dei muri alti
muri alti
del palazzo
catene
che tu volevi rompere
che diventano
come fragole nei prati.
Maestro
il tuo diverso
modo d'essere
la tua morte
nobile nel pantano.
Questo martirio
così giusto
e noi ignoranti
pochi rimasti.
Quando la luce
diventa spazzatura,
quando un uomo è
pieno di sangue
ci insegna la vita
e la morte;
Maestro,
io ti porto
l'ultima rabbia
stretta nel pugno
della mano
come ultimo saluto:
all'uomo di cultura
comunista
omosessuale
odiato dai potenti della terra
l'unico che ha detto la verità
e che è finito
come doveva finire,
"tra gli sghignazzi
della stampa"
dei muri alti,
delle catene
del palazzo.
Ammazzato
Mentre tentava
per l'ultima volta
di avere coraggio.
Per me resti il
poeta,
per gli altri
uno stupido tentativo di recuperarti.
Io che sono un povero diavolo
non posso far altro
che vedere ancora
il palazzo,
rimasto tale e quale,
con i muri alti
e le catene.
Io che sono matto
vedo le tue mani
piene di graffi
che tentano di uscire.
È NOTTE
A OSTIA
D'INVERNO
NON VEDO NULLA.
È NOTTE
A OSTIA
D'INVERNO
NON VEDO NULLA.
È freddo
A Ostia
a novembre
maestro
ho FREDDO

1 commento:

gabriele&paola ha detto...

salve dottò...ce sta la prima tappa del viagio se passi dai un'occhiata...